La zonzella, Donoratico e me

Insomma, ho iniziato cento volte a scrivere questo post sulla mia giornata di ieri a Marina di Castagneto Carducci, Donoratico. Dove c’è stata, oltre all’ultima abbronzatura, una sessione speciale di amarcord adolescente. Sono andata apposta al bagno Sirena e ho mangiato non a caso le pizzette e le zonzelle di Nanni, buone e unte come allora.
Però accade che io questo post non riesca proprio a scriverlo. Forse è che stamani ho riletto, in sequenza, i diari delle estati 1986, 1987, 1988 e 1989, stilati con un rigore cronachistico impressionante. Non lo so cos’è, ma proprio non riesco a scrivere di me, della mia cara perduta amica Annarosa, dei bomboloni di mia nonna, del perbenino Alessandro, di Dino-perché io son i’mmeglio, dai!, della biondinadolcina Jenny, del guasconcello ruspante Giuseppe e di tutti gli altri volti che c’erano in quei giorni.
Mi sono letta sui miei diari e mi sono mancata, può darsi. E ho deciso di lasciarmi stare, così com’ero, senza dirvi come mi sentivo quando Dino mi diceva, sorridendo di fronte al pattinaggio, Te ttu ha’ pers’ i’ ccapo o quando Giuseppe mi portava con sé ai Ginepri e la Jenny era solo un’alibi fragile e sulla spiaggia arrivavano le note di In ginocchio da te di Gianni Morandi.

Come facevo a essere così incredibilmente bella senza saperlo?

La zonzella, Donoratico e meultima modifica: 2003-08-31T15:55:00+02:00da capecchi
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “La zonzella, Donoratico e me

  1. surfando fra i blog e fra i links e relativi commenti, sono giunta qui, proprio a marina di Castagneto, donoratico, bagno Shangrllà, camping Etruria.. ricordi lontani, estati passate, ma anche molto vicine – sono ripartita il 26 di agosto per Firenze- Trovo il tuo blog molto interessante, mi ha colpito l’amore per il tuo lavoro di insegnante. Io sono una che ha lasciato, molti anni fa, dopo precari assaggi. Sapessi quante volte mi sono chiesta se ho fatto bene e come ssarebbe stata la mia vita se…

  2. ciao,ho i parenti da parte di mia mamma che sono di castagneto carducci ed io ho passato le vacanze fino ai vent’anni in quel fantastico paese,sono cresciuto anch’io con le fantastiche zonzelle del nanni e ancora oggi quando posso staccare da torino ci faccio un salto.quando arrivo a marina,il profumo di pini marittimi che aleggia nell’aria nel viale che va dal cavallino matto a marina mi ripota di colpo indietro di un mucchio di anni.adoro quel posto.ciao

  3. Chi sarai mai ? Quanti anni hai scusami, perchè anch’io frquentavo il bagno Sirena a Dono e per preciso ci vado ancora non con la frequenza di diversi anni fà ma insomma mi difendo.
    Magari ci conosciamo di vista e poi sono capitato quasi per caso su queso tuo diario e mi hai incuriosito e magari conosco anche i Dino, Alessandro e Giuseppe, conosco bene anche i Ginepri perchè ci avevo alcuni amici/che.
    Fammi sapere se possibile, ciao un saluto da Mario.

  4. Non ci posso credere…Donoratico…il mitico Nanni…i bagni Sirena…….e che dire del mitico Cavallino Matto!?!?! W il Camping Etruria….. non avete idea..ma …cercavo un ricetta per Naltale..un pò ..abbacchiata..per via del freddo… della pioggia….( a Mialno poi…è tutto grigio diquesti tempi) e mi sono ritrovata a leggere queste righe…..scalda il cuore…ripensare a questi caldi luoghi dove ho trascorso i miei anni più spensierati e pazzi..e dove tutt’ora….un pò meno pazza ..trascorro le mie tranquille vacanze…e mi entra un pò di sole nel cuore….e scalda…..ed è fantisco !!
    Buone feste a tutti !!
    p.s. è la priam volta che srcivo su un blog (…è un blog questo vero ?!?!?) ..a non ho resistito al richiamo !!!!

Lascia un commento