Staje luntana da stu core

Scrive sempe e sta’ cuntenta:
io nun penzo che a te sola,
nu penziero mme cunzola,
ca tu pienze sulamente a me.
Ohi vita…

[L’autunno langue – il verbo è morto. Tornerò, tornerò. Abbraccio tutti i gentili ostinati ospiti delle mie stanze.]

Staje luntana da stu coreultima modifica: 2003-11-30T13:30:00+01:00da capecchi
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Staje luntana da stu core

  1. Ma qui si cita a gogò, da “Si sicure ‘e chist’ammore, comme ie sò sicuro ‘e te” fino nientemento che al “Guancia a guancia” di Irvin Berlin. E io che posso citare? “Guancia a guancia piroettiamo fino a che non vomitiamo”.. e lo estrapolo nientemeno che da “Good morning Vietnam”.
    Ush…!!

  2. ciao… sono arrivata nelle tue stanze da gnueconomy dal link “Gaia Capecchi”.. ho interpretato il link come il tuo nome e cognome (se sbaglio scusami 🙂 .. Sono al quanto sbalordita, perchè ho trovato una “quasi” omonima: stesso nome e nel cognome io ho una U al posto della tua E e una O in più…. che dire? leggerò il tuo blog in futuro 🙂 Salutissimi da Gaia!

  3. Dai, torna… manchi anche a me che non ti scrivo quasi mai, che non sono particolarmente appassionata del jazz (anche se lo ascolto più che volentieri), e che aggiorno raramente il mio blog… un bacione da una tua concittadina…

Lascia un commento