Inaccettabili ascolti casuali

Mentre torno in macchina nel buio compatto della tangenziale, penso: chissà se Robba avrà la stessa faccia sullo sfondo di Bologna? Poi arrivo a casa e metto Miles Davis che suona con Sonny Stitt, dal vivo all’Olympia di Parigi, nel 1960. E rispondo: sì, credo che la sua faccia sarà diversa. Perché prima aveva inaccettabili ascolti casuali e adesso, invece, ascolta jazz. Questo fa sempre la differenza.

Inaccettabili ascolti casualiultima modifica: 2004-01-23T19:45:58+01:00da capecchi
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Inaccettabili ascolti casuali

  1. A parte il fatto che provo un senso di sana invidia.. c’è poi la tua “infettività” . Certo il sax è ancora in cantina, in compenso oggi sono entrato a comprare mute nuove per le mie due chitarre: è arrivato il momento di ricominciare a muoverci un po le dita su. Non sono mai stato bravo, ma un dono è un dono, e coltivarlo è già un buon modo per dimostrare di esserne grati.

Lascia un commento