Buchi neri

Stamani pensavo a come le persone spariscono. Quei risucchi spaziotemporali in cui finiscono in molti: semplici conoscenti, amici, amori. Improvvisi buchi neri o strappi graduali che si allargano e poi tirano giù tutto: ti volti e il barista giovane ma un po’ pelato che ti chiamava “professoressa” e ti porgeva la schiacciata è scomparso, così pure l’amica più cara con cui dividevi banchi e vacanze, e anche il ragazzo dalle gambe storte di cui contavi i saluti al liceo, oppure la collega bionda con il foulard che ti preparava sempre il cappuccino e la fanciulla più ricercata di tutta la scuola che aveva scelto te come confidente e quel ragazzino smilzo dai capelli biondi che scriveva come un grande e ti faceva commuovere e tu gli appuntavi in fondo al tema “Ottimo!”, proprio così, col punto esclamativo. E’ mostruoso come ciò che fa parte della tua vita in un momento, nel momento dopo, pluf, sparisce; ed è questione di un battito di palpebre; non anni e neppure mesi: palpebre che sbattono. Tutto implode proprio mentre sei lì che lo vivi, spesso. Le persone vengono risucchiate continuamente in queste voragini: ci sono – non ci sono più. Sai tutto di loro – non sai più nulla. Se ci pensi troppo lucidamente, ai buchi neri che si mangiano la gente, è un punteruolo che gira nello sterno. Ma se ci pensi ancor più lucidamente capisci, senza angoscia, l’assoluta necessità di questi calanchi della sparizione.
Magari poi torni a casa, leggi la posta e vedi che Nico ti ha scritto in fondo alla lettera “A pronto”, che nel suo speciale linguaggio ibridato vorrebbe dire “A presto”. Tu ridi, chiudi la posta e non pensi più ai buchi neri; e quando più tardi lui chiama davvero lo ascolti parlare e t’accorgi che a volte qualcuno rimane. Per un po’.

Buchi neriultima modifica: 2004-10-08T01:50:00+02:00da capecchi
Reposta per primo quest’articolo

11 pensieri su “Buchi neri

  1. L’incontrario del buco nero cosa è? Ci vorrebbe un astrofisico. Da qualche parte verrà emessa tutta questa materia che i buchi neri si risucchiano.

    Mantenendo il parallelo.. il blog è uno dei contrari del buco nero esistenziale, è un mezzo che crea contatti, amicizie, occasioni di confronto.

    Le foto?
    l’ho gu.

Lascia un commento