Per Vale


Grazie.
Tutti gli altri non lo sanno, ma tu sì, lo sai, perchè. Era tanto che non piangevo così, proprio a dirotto, di gioia, a lungo, come oggi. Un caldo buono mi ha invaso e mi sono sentita come vorrei sentirmi sempre: compresa e amata. Sì, Vale, io sarò sempre la TUA prof. E tu qualcuno che si pensa possa esistere solo, ad esempio, nelle fiabe: bellissima, dolce, buffa, con i tuoi capelli chiari lunghi (quando non te li tagli a causa delle treccine) e ondulati, un sorriso diretto e luminoso. Puro. Però sei anche pazza, perché non si scrivono certe cose a una che, lo sai, si commuove di fronte ai vostri pasticcini.
Sinceramente, dovessi andare in pensione oggi, potrei dirmi felice.
Grazie, grazie, grazie.

Per Valeultima modifica: 2007-10-23T16:00:00+02:00da capecchi
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Per Vale

  1. Oddio prof, tremo tutta!
    Non sa che gioia mi da dicendomi tutto questo.. Se sapevo che l’avrei fatta piangere così, magari non toccavo certi punti; ma sono dell’idea che piangere di gioia è una cosa meravigliosa, davvero! Mamma mia, dovrebbe vedere il sorriso che ho in questo momento, anche se con la febbre e tutta raffreddata..
    Sono felice che l’ho resa ancora più felice; mi è piaciuto il fatto di descriverla in una mail (i suoi ragazzi undicenni mi hanno ispirata!)..
    Mamma mia prof.. Non so cosa dire, sono emozionata, orgogliosa, fiera..
    Un abbraccio fortissimo

Lascia un commento