Mi dispiace

Incredibile quanto le parole che si scrivono abbiano ricadute impensabili rispetto a quello che uno aveva nella testa mentre scriveva.
E’ la prima volta che mi succede che le parole di questo blog (per altro non mie, ma scritte nei commenti) feriscano qualcuno. E’ successo stamani, a scuola, e ci son rimasta come una cretina. Davvero. Male, come una cretina. Stupita. Perché quello che volevo dire io era tutt’altro da quel che si è capito. E perché di colleghe che stimo ce n’è appena un mazzetto e sicuramente questa lo è. Allora mi dispiace, m’irrigidisco, forse non rispondo nemmeno nel modo giusto.
Ma le parole son così. Armi lanciate a caso nello spazio; che a volte arrivano dove non devono e a volte sì. A volte feriscono le stesse persone che le hanno scritte. A volte succede, sì. Anzi spesso. Di maneggiare le proprie sillabe monche e tagliarsi pezzi di braccia; o labbra.

Mi dispiaceultima modifica: 2007-11-13T15:25:00+01:00da capecchi
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “Mi dispiace

  1. Capisco ciò che intende…
    Mi capita spesso di dire cose che vengono intuite in modo sbagliato e ci rimetto sempre io.
    Leggere le pagine del suo blog è qualcosa di significativo in qualche modo.
    Il suo modo di scrivere di esprimersi attira l’attenzione della gente e ciò fa sì ad essere interessati a ciò che lei scrive.
    (ecco non so se mi sono spiegata………………)
    La ringrazio sempre per le mail che mi scrive di risposta e mi fa piacere mantenere i contatti con lei.
    Ah…domandina…ma le è arrivata la mia ultima mail? Ho problemi con libero e di solito la posta non arriva! 🙁
    La saluto
    Noemi.

Lascia un commento