Caverna

C’è il sole. Nel parcheggio una macchina della polizia. Un piccolo capannello di gente. Stranieri. Uno viene ammanettato, infila la testa dentro. Faccio in tempo a vedere occhi tristi, rassegnati. Il brillìo dello sportello controluce.
Ho abbandonato la dieta di gianduiotti e tranci di pizza al taglio. Adesso ne seguo una che è fatta così: caffé, acqua, caffé. Perfetta per scarnificare il troppo, per santificare la primavera con un profilo tagliente.
Ascolto i Joy Division e mi fanno schifo. Eppure mi danno un piacere sordo quei suoni brutti, cupi, lugubri. E’ una musica ottusa e inutile. Cattiva. Ma ascolto. E sono suoni privi di senso, voci di caverna, oltretombe di bocche, orbite d’occhi neri – vuoti.

 
http://capecchi.myblog.it/media/00/02/534481074.mp3

(Joy Division, She’s lost control, in Unknown pleasures. Musica cattiva)

Cavernaultima modifica: 2009-03-12T14:53:26+01:00da capecchi
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Caverna

  1. Incredibile, dopo una settimana in cui ascolto solo i JD tu li posti. Ovviamente, forse un po’ lo immaginerai li ho sempre adorati. Son gli stessi motivi che inducono te ad odiarli. Ma per una dieta così son perfetti, così privi del superfluo, limpidi e scuri come l’acqua e il caffè. Come sempre niente fa niente Gaia.
    [Rab]

  2. Morgan, Joy Division: un freddo ago sottopelle in attesa di calde vibrazioni…
    Quali? Megan Gale, Mister Magoo? (scherzo – ça va sans dire – con le parole, visto che sei un po’ giù, tu che quondam eri à gogo). No… ma visto che, ultimamente, sei ‘brit’, niente di meglio di ‘Weather storm’ dei Massive Attack. Dalla caverna passerai direttamente al terzo cielo.
    Nicola

Lascia un commento