Il 30 dicembre di un anno come questo

Una scossa di terremoto ci ha ribaltato, ieri, dal divano rosso. Erano le 15.37 di un pomeriggio lattiginoso e dopo mi è venuto il mal di testa – che ultimamente mi viene spesso, chissà perché, mentre prima non mi veniva mai. Sicché oggi, il 30 dicembre di un anno come questo, chiedo con (s)garbo alla Natura di rimandare l’ultimo colpo … Continua a leggere

La luna e i binari

Mi piacerebbe vedere il mio terrazzo nelle notti di luna così come uno che passasse in bicicletta sul ponte della stazione e decidesse di fermarsi per guardare in su. I terrazzi fanno tutta un’altra impressione, visti da terra; specie se sono in alto, lontani e misteriosi, immersi nella nebbia di fine novembre o riempiti da scoppi di risa e gente … Continua a leggere