Claustrofobia

La gatta si rintana lesta dietro ai divani, la centralina meteorologica sul terrazzo segna due gradi, il fischio del treno che sale verso la collina continua implacabile a farsi sentire ogni ora. “Non provo dolore, solo claustrofobia”, pensa lei guardando lui che impacchetta il suo altarino indiano e quello strano minerale, prima di prendere la porta e andarsene – spalle curve e fronte imperlata di sudore, solo.
Ve l’ho detto, è gennaio: un mese crudele. Non si accettano sconti, patetismi o compromessi. Il sole splende ed è inoltre difficilissimo trovare una casa da comprare.

Claustrofobiaultima modifica: 2005-01-30T12:45:00+01:00da capecchi
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Claustrofobia

  1. Le gatte sono sempre stupende, ma anche i gatti maschi regalano soddisfazioni. A Pistoia ne avevo due ciccion. Uno c’è ancora e si trascina da un divano all’altro. Qui a Bologna, purtroppo, non ne ho. E mi mancano molto. p.s. E domani è febbraio. (Gaia)

Lascia un commento