Il vento

Mi fruga il vento. Entra su per le calze e la gonna. Graffia, rovescia e raschia. Si porta via tutto.
Mi svuota il vento. Si butta là sotto e strappa quello che c’è da strappare.
Alla fine non sono diversa da un’ampolla, un’anfora, una caraffa di vetro. Riempita di nulla. Poggiata sul bordo d’un tavolo e pronta a frantumarsi.
Che almeno taglino, i pezzi che raccoglieranno.

Il ventoultima modifica: 2009-03-20T15:29:00+01:00da capecchi
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Il vento

  1. Qualche volta il vento sembra avere la forza di rapire tutti, poi dal nulla all’improvviso il turbine sceglie o casualmente qualcuno viene risucchiato nel vortice. Non fa differenza. Gli altri semplicemente attendono il loro turno, volenti o nolenti.

Lascia un commento