Sangue freddo

La vide uscire da un alto e scuro portone, la sera ventosa di novembre di traverso ai capelli. Quella mattina non era sembrata una mattina particolarmente crudele. Anzi, i soliti profili degli ignoti alberi erano lì, a posto, sereni, morbidi, gonfi come sempre. Poi però ripensò a lei. Quel suo dinoccolarsi mentre camminava e quella voce insopportabile e la presunzione di sapere come fosse fatta la sua animuccia. Ma soprattutto la sua totale e irrecuperabile ineleganza. Quella inaccettabile assenza di femminilità. Quel suo porgersi come una specie di sagoma di simpatia e affabilità. Ripensò alla sua crassa inabilità di essere fine o schietta per davvero e non solo di facciata. Ripercorse certe sue piccole meschinità da retrobottega. Ripensò lo sguardo tutto sommato piuttosto privo di grandi sfaccettature. Rivangò con uggia la sua ignoranza nascosta. Questo era sufficiente, bastava. Così la sera l’aspettò. La vide uscire da quel portone – e novembre e il vento e il grigio. Le si piazzò davanti, sbucando fuori come dalla sua stessa sgradevole risata. Estrasse la pistola e sparò. A sangue freddo. In piena fronte. Senza lasciarle nemmeno il tempo di rantolare. Vederla cadere a terra di schianto. Girare le spalle e andarsene. Non voltarsi indietro a guardare quell’ingombrante rifiuto in più sull’asfalto ghiaccio.

Sangue freddoultima modifica: 2004-11-23T16:50:00+01:00da capecchi
Reposta per primo quest’articolo

10 pensieri su “Sangue freddo

  1. Ho realizzato un sito perché parlasse di me, dei sogni che animano i miei ideali e delle speranze con le quali rincorro i miei obiettivi.

    Il contenuto é personale, sincero, talvolta irriverente. Diretto come é il tempo quando rimarca inesorabile la sua corsa nella vita di ognuno di noi, ricordando che non ci aspetterà, mai.

    Per tutto questo ho deciso di Partire per…. Il giro del mondo in Moto.

    Vorrei un parere personale sul sito e la possibilità di essere conosciuto anche da tutte le persone alle quali potrai inoltrare questo messaggio tramite i mezzi di cui disponi (posta elettronica, link sul blog o sul tuo sito, msn, ecc).

    Questo è il link del sito: http://web.tisc ali.it/partirepe r

    Questo è il link del mio blog: http://blog.vir gilio.it/gioadi

    Grazie per l’attenzione e scusa per il disturbo.

    .gionata.

  2. io c’ho un sito ma non ho voglia di parlare di me, non ho sogni, figuriamoci ideali, le speranze vagano disorientate nella nebbia del monumentale e hanno perso di vista qualunque obiettivo, se mai c’è stato. Il contenuto è impersonale, sono falso come giuda e falsamente irriverente. Sono indiretto come il tempo che mi scorre a fianco e poi davanti e poi dietro. E in effetti tutto vorrei, tranne che un parere personale sul mio sito.
    grazie per l’attenzione
    (ciccio)
    (in bocca al lupo gionata)

Lascia un commento