28 maggio


Chissà se domani piove. Io spero proprio di no. In genere non piove mai il 28 maggio e a me piace così: un sole caldo e un’aria afosa da anticipo d’estate. Luminosa. Questo vento che stasera arriva dalla finestra, però, non mi lascia ben sperare. Se non fosse che porta dentro casa l’odore dei tigli, di cui devo aver scritto da qualche altra parte, avrei già chiuso. Invece è bello stare qui davanti al computer, sapere già che si farà tardi, mentre il trio di Roberto Di Gioia suona proprio come piace a me, rubando sul tempo, anticipando, lasciandomi sospesa all’accordo già finito un attimo prima. E se avessi una batteria la suonerei, mi verrebbe da agitare testa e bacchette – una tranquilla serata di combo fra amici.
Insomma domani è il 28 maggio. In fondo poi chi se ne importa di tutto il resto.

28 maggioultima modifica: 2007-05-27T21:45:40+02:00da capecchi
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “28 maggio

Lascia un commento